“Pearl” – Ti West e Mia Goth: l’accoppiata vincente

Written by Sofia Cestelli

Settembre 8, 2022

Pearl Recensione

Il prequel del sexy horror X riesce ad alzare ancora di più le aspettative e l’asticella sia per quanto riguarda la regia di Ti West che – e soprattutto – l’eclettica performance di Mia Goth. Pearl, è stato presentato nella sezione Fuori Concorso del Festival del Cinema di Venezia lo scorso sabato 3 settembre, dove tra l’altro Ti West aveva già presentato nel 2013 il suo The Sacrament.

Girato come back-to-back ambientato nei primi decenni degli anni Venti il prequel racconta la storia di Pearl (Mia Goth, che qui diventa anche co-sceneggiatrice insieme a West), una giovane donna che lavora sodo e senza tregua nella fattoria di famiglia, bramando giorno e notte il ritorno del marito Howard dalla guerra in Europa – ma soprattutto sogna smaniosamente di poter sfondare come ballerina in quello che stava sviluppandosi come cinema. L’influenza spagnola ha già fatto molte vittime, tra cui il padre di Pearl, che si ritrova infermo in uno stato vegetativo, in grado solo di muovere lo sguardo. Il lockdown forzato, tra le altre cose, aumenta ancora di più la frustrazione e il comportamento sempre più inquietante di Pearl. La madre di Pearl infatti, è figlia della prima generazione di tedeschi immigrati oltreoceano e la sua freddezza mischiata alle regole ferree e alle paranoie di certo non aiutano la già labile stabilità mentale della figlia. Pearl, in una delle sua fughe da casa per andare al piccolo cinema in città, si invaghisce e ha una piccola avventura con il proiezionista, che incoraggia Pearl a non abbandonare il suo sogno di voler diventare una star cinematografica, consigliandole di fare il provino per una piccola compagnia di ballo itinerante. Ma Pearl, con le sue dita sempre strette e arricciate sul manico del forcone, non accetterà di buon grado un rifiuto di qualsiasi genere.

Il film è realizzato spaventosamente bene ed è avvincente. Si presenta come un pastiche di film della Golden Age insieme a tratti che ricordano Psycho e Il Mago di Oz. La fotografia vibrante e colorata infatti, è uno degli elementi più forti e rilevanti del film. Chiunque abbia la tentazione di guardare dall’alto verso il basso il genere horror potrebbe voler riflettere sul fatto che è proprio il regista Ti West ad aver aperto la strada nel commentare ciò che è l’attuale situazione mondiale: il suo film parla della pandemia e di come il lockdown faccia da incubatore per paure e disfunzioni. Come il primo film, anche questo è ambientato in un singolo luogo (single location picture), anche se ci sono scene abilmente gestite al di fuori della fattoria: Pearl che va a fare spesa e beve di nascosto la morfina che sua mamma le ha chiesto di comprare, e ancora, quando si intrufola nel cinema nonostante le fosse stato severamente proibito.

Senza la grandiosa performance di Mia Goth tutto questo non sarebbe possibile. Ne è una prova la scena catartica del film in cui la cognata di Pearl (Emma Jenkins-Purro) le chiede di dirle ciò che desirerebbe dire al marito assente, ottenendo come risposta un flusso di coscienza orrorifico e fuori controllo. La sequenza durante i titoli di coda riesce ad alzare ulteriormente l’asticella e fa pensare solo ad una cosa: Mia Goth è la Judy Garland dell’horror e si merita qualcosa di più di un Leone D’Oro.

Related Articles

HODTV: “Hell’s Belle” – Recensione

HODTV: “Hell’s Belle” – Recensione

Per la rubrica in collaborazione con la piattaforma streaming horror HODTV oggi proponiamo la recensione di Hell's Belle, presente in catalogo su https://hodtv.net/TV Hell's Belle Recensione – Certi tesori devono rimanere sepolti. Un gruppo di studenti universitari...

Barbarian: il volto mostruoso della periferia

Barbarian: il volto mostruoso della periferia

La periferia di Detroit, Michigan, che ha già fatto da sfondo a film come It Follows e Only Lovers Left Alive, torna ancora una volta in una storia in cui la marginalizzazione sociale rappresentata dall’ambiente suburbano gioca un ruolo silenziosamente importante....

The Midnight Club – recensione della serie Netflix

The Midnight Club – recensione della serie Netflix

“Il mondo è impazzito tanto tempo fa e pochi tra noi, e siamo rari, sono riusciti a trovare il senno, beh... quel mondo pazzo chiamo noi pazzi, no?” - Shasta Il regista di The Haunting of Hill House e Midnight Mass è tornato su Netflix con la nuova miniserie The...

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per mostrarti mappe e video di Google. Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e quelli di terze parti (Google, Youtube). Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore, se non li abiliterai non potrai vedere alcuni video e mappe di Google. INFORMATIVA PRIVACY