LA CASA NERA
LA CASA NERA

La Casa Nera (titolo originale The People Under the Stairs) è senza ombra di dubbio uno dei film più rappresentativi del “genere” new horror (per approfondimenti vedi la recensione del film La notte dei morti viventi di George A. Romero). Proprio come Romero fece a suo tempo, Wes Craven tenta di realizzare un ritratto sociale satirico dell’America nell’epoca Bush senior (siamo nell’anno 1991). L’horror e le aspirazioni sociali si fondono in un’unica favola fantastica creando un’opera unica ma – come spesso accade – sottovalutata. Non a caso il film risultò un flop commerciale al botteghino e il creatore di Freddy Krueger dovrà aspettare più di cinque anni, grazie all’indovinato film Scream del 1996, per ottenere finalmente degna fama e successo.
La Casa Nera è ambientato in un sobborgo di una grande città americana. Il nostro protagonista, un bambino soprannominato “grullo” (foll in inglese) vive insieme alla sua famiglia in un appartamento fatiscente. Scopriremo ben presto che la famiglia sta per essere sfrattata e che la madre del ragazzo versa in grave condizioni fisiche. La situazione economica è disperata e il ragazzo decide così di intrufolarsi all’interno di un’abitazione dove vivono i padroni del suo appartamento, un fratello e una sorella avidi e senza scrupoli, per trafugare una preziosa collezione di monete d’oro e porre fine così alla propria condizione di miseria. Nella casa il ragazzo scoprirà che i due ricchi proprietari nascondono orrori che superano ogni immaginazione.
La chiave di lettura metaforica in senso sociale è molto esplicativa e calzante. Le azioni di guerriglia che il ragazzo metterà in atto, non sono altro che il riflesso più autentico di una ribellione contro l’ingiustizia sociale (che accende negli spettatori una scintilla di coscienza civile) e culmina in un finale pirotecnico in cui i sottomessi ed i reclusi si ribellano contro gli abusi subiti. Grazie ai toni beffardi e ironici, La casa nera entra nel solco di film come I Goonies (Richard Donner, 1985) ereditandone il mood ma discostandosi sapientemente per atmosfere più dark e grottesche. Craven non concede mai troppo spazio all’horror puro e sceglie di concentrarsi piuttosto sul senso di satira. Coincidenza o casualità, dopo qualche mese dall’uscita del film scoppiarono le rivolte e le insurrezioni che sconvolsero Los Angeles in quel periodo. Fatti che possono concedere allo spettatore di oggi un punto di osservazione privilegiato da cui ri-considerare il genere horror ed il suo legame con i grandi temi della politica e della esistenzialità.

FILMOGRAFIA ESSENZIALE: L’ultima casa a sinistra del 1972, Le colline hanno gli occhi del 1977, Nightmare – Dal profondo della morte del 1984, Il serpente e l’arcobaleno del 1988, Scream del 1996.

Recensito da Andrea Ponzecchi

 

 

The People Under the Stairs is one of the most representative movies of the new horror genre (to see the definition search the Night of the Living Dead review). Jus like Romero did, Wes Craven attempts to create an American satiric social portrait during the era of George H. W. Bush (we are in 1991). Horror and social aims merge themselves in one unique fantastic tale, which creates a unique movie, but underestimated, as is often the case. In fact, the movie was a commercial flop at the box office, and the creator of Freddy Krueger will have to wait more than five years, with Scream (1996), to finally obtain success. The People Under the Stairs is set in a Los Angeles ghetto. The main character, a boy named Fool, lives with his family in a run-down apartment. His family is about to be evicted by their landlords, the Robesons, a greedy brother and a sister without care, and the mother of the boy is in serious physical conditions. To save the situation the boy decides to break into the Robesons’ house to rob a precious gold coins collection. In the house, Fool will find that the two rich landlords hide horrors that exceeds any imagination. The movie interpretation has a very explicative and proper social theme. The guerrilla actions that the boy does, are the reflection of a rebellion against the social injustice (that awakes into the viewers a sparkle of civil conscience) and culminates in a pyrotechnical end in which the submissive ones and the prisoners rise against the abuses. The People Under the Stairs, due to its mocking and ironic tones, is close to movies like The Goonies (Richard donner, 1985), from which it inherits the mood but with a more dark and grotesque feeling. Craven does not grant too much space to the pure horror genre and choses to focus on the satire. After some months from the movie release in theatres, some insurrections break out in Los Angeles. From a point of view of a contemporary audience, those facts can concede a new and privileged interpretation to reconsider the horror genre ad his legacy with big policy and existentiality themes.

MAIN FILMOGRAPHY: The Last House on the Left, 1972; The Hills Have Eyes, 1977; A Nightmare on Elm Street, 1984; The Serpent and the Rainbow, 1988.

written by Andrea Ponzecchi

 

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per mostrarti mappe e video di Google. Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e quelli di terze parti (Google, Youtube). Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore, se non li abiliterai non potrai vedere alcuni video e mappe di Google. INFORMATIVA PRIVACY