HODTV: “The Raven” – Recensione

Written by Chiara Volponi

Gennaio 27, 2022

Per la rubrica in collaborazione con la piattaforma streaming horror HODTV oggi proponiamo la recensione di The Raven, presente in catalogo su https://hodtv.net/?idPr=WH96P

…La luce della lampada, raggiando su di lui, proietta la sua ombra sul pavimento, e la mia, fuori di quest’ombra, che giace ondeggiando sul pavimento non si solleverà mai più!

Tratta dalla celebre poesia del maestro del gotico Edgar Allan Poe,  la storia racconta della terribile discesa nella più cupa disperazione dell’autore, il quale è perseguitato dai ricordi e dalla recente dipartita dell’amata Lenore, cercando in ogni modo di annegare il dolore della sua perdita attraverso la solitudine e all’abuso di alcol.


In una notte lugubre e desolata, un corvo appare all’improvviso all’interno del suo studio e Edgar, incuriosito da quella strana apparizione, inizia a dialogare con l’animale per trovare qualche risposta a quella strana visita.
La comparsa del corvo sarà solamente l’inizio di una lunga serie di eventi che scaraventerranno lo sfortunato scrittore in un vortice di follia e di angoscia, costringendolo ad affrontare i suoi demoni interiori e a confrontarsi con i fantasmi del suo passato, i quali sono decisi più che mai  a tenerlo per sempre prigioniero del suo dolore autodistruttivo, il tutto sotto gli occhi attenti e spietati del terribile volatile.

Diretto dal regista inglese Damian Draven e prodotta dalla casa di produzione indipendente The Oracle Company, The Raven è la prova concreta di come un adattamento di un opera letteraria possa riuscire pienamente a rispettare l’essenza del contenuto originale, ma allo stesso tempo di creare una trasposizione originale e stimolante per lo spettatore .

La scelta di creare un contesto narrativo dove Edgar Allan Poe, il quale ricopre il ruolo di protagonista all’interno di questa vicenda, intraprende un percorso alternativo rispetto a quello documentato nelle biografie ufficiali, e di trattalo come uno dei suoi personaggi principali dei suoi  racconti dell’orrore e del mistero, non solo è stata ben elaborata e rappresentativa dello stile della poesia, ma ha garantito una nuova linfa di originalità senza tradire la vera essenza dell’autore.   
Anche la prevalenza di una tonalità più scura e di uno scarso utilizzo della luce è riuscita a rimanere fedele allo stile gotico e oscuro dell’autore di Baltimora, facendo in modo che lo spettatore si immerga profondamente nelle atmosfere dell’autore e venga trascinato nel l’inesorabile discesa nella follia e nell’angoscia del protagonista.
Una nota di merito per la capacità di rimanere in equilibrio tra la fedeltà allo stile e al testo originale dell’opera e una reinterpretazione originale del contenuto va all’attore Michael Bates, l’interprete del tormentato Edgar Allan Poe. Bates con la sua espressività vocale ed emotiva ben definita riesce a rimanere fedele ai toni oscuri e tragici della poesia ma fornendo al pubblico una performance di grande impatto emotivo in grado di rivelare con sobrietà ed equilibrio le fragilità emotive del protagonista, specialmente al culmine della tensione emotiva presente nelle ultime scene del mediometraggio.


Anche Áine de Siún, interprete della defunta Lenore, riesce a creare un’interpretazione fedele allo stile originale dell’opera attraverso una recitazione molto accurata sull’espressività del personaggio e un’attenzione particolare alla gestualità, riprendendo fedelmente l’aura malinconica dell’omonima  figura letteraria.

Nonostante la grande cura nel rimanere fedeli alle atmosfere del testo originale e l’incredibile costruzione della tensione emotiva dello sviluppo degli eventi, questo mediometraggio non è adatto a un vasto pubblico, in quanto si concentra maggiormente sulla creazione di una sensazione di  terrore e un’inquietudine generato dalla suspense e da una costruzione graduale e accurata della tensione emotiva garantita dalla visione senza l’utilizzo specifico di qualche effetto speciale o artificio narrativo, e non garantisce l’approvazione della fascia di spettatori fedeli al testo originale dell’opera.

The Raven è un prodotto capace di cogliere in maniera approfondita l’essenza più pura dello stile gotico di Edgar Allan Poe e di trasmetterlo in una veste più originale ed evocativa all’interno di questo mediometraggio, riuscendo nell’impresa di catturare lo spettatore in un crescendo continuo di angoscia e di terrore in continua evoluzione e di fargli provare le stesse emozione suscitate nella lettura delle opere originali.

Marta Quitadamo

Related Articles

The Midnight Club – recensione della serie Netflix

The Midnight Club – recensione della serie Netflix

“Il mondo è impazzito tanto tempo fa e pochi tra noi, e siamo rari, sono riusciti a trovare il senno, beh... quel mondo pazzo chiamo noi pazzi, no?” - Shasta Il regista di The Haunting of Hill House e Midnight Mass è tornato su Netflix con la nuova miniserie The...

Cabinet of Curiosities: L’autopsia – L’apparenza

Cabinet of Curiosities: L’autopsia – L’apparenza

L'autopsia - Terzo episodio di Cabinet of Curiosities Autopsia: dal greco "vedere da sè", "con i propri occhi". Se l'etimologia del termine rimanda ad un'importanza della componente visiva, l'episodio diretto da David Prior si fonda sulla narrazione. L'evento che dà...

Cabinet of curiosities: Lotto 36 – I ratti del cimitero

Cabinet of curiosities: Lotto 36 – I ratti del cimitero

Cabinet of Curiosities, la serie antologica Netflix prodotta da Guillermo del toro, si apre con il mediometraggio Lotto 36. E la stanza delle meraviglie di Del Toro si apre proprio, con questo primo episodio, come il lotto del titolo. L'intera serie è costruita come...

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per mostrarti mappe e video di Google. Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e quelli di terze parti (Google, Youtube). Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore, se non li abiliterai non potrai vedere alcuni video e mappe di Google. INFORMATIVA PRIVACY