HODTV: “The Forest of the Lost Souls” – Recensione

Written by Chiara Volponi

Giugno 30, 2022

The Forest of the Lost Souls Recensione

Per la rubrica in collaborazione con la piattaforma streaming horror HODTV oggi proponiamo la recensione di The Forest of the Lost Souls, presente in catalogo su https://hodtv.net/?idPr=WH96P

The Forset of the Lost Souls (A Floresta das Almas Perdidas) è un lungometraggio horror drammatico portoghese del 2017, diretto dal regista José Pedro Lopes la cui storia è ispirata alla foresta di Aokigahara in Giappone, nella quale si verificano un numero altissimo di suicidi.

Ricardo è un uomo di mezza età che si reca presso la Foresta delle anime perdute per togliersi la vita a seguito della morte della figlia. Ma mentre cerca di suicidarsi si imbatte in Carolina, una giovane ragazza recatasi nella foresta per lo stesso motivo. Così i due decidono di posporre il proprio suicidio per conoscersi meglio e parlare delle proprie esperienze, anche se ben presto Ricardo scoprirà che Carolina non è veramente chi dice di essere, e quella passeggiata nel bosco verso il suicidio prenderà una svolta totalmente inaspettata.

The Forest of the Lost Souls, che per la sua durata potrebbe essere un mediometraggio (71 minuti), non ha molto da raccontare, se non una storia di omicidi commessi da una ragazza della quale si sa poco e nulla e i cui moventi sono piuttosto risibili e accennati soltanto verso la fine del film. Probabilmente lo scopo del regista era proprio sottolineare il nichilismo latente della killer, ma anche se così fosse, questo non sarebbe comunque abbastanza giustificato e spiegato. Nemmeno i dialoghi iniziali fra i personaggi di Ricardo e Carolina riescono a dare profondità alle loro azioni, e tutti i discorsi e le citazioni che fanno sul suicidio, che dovrebbero apparire come conversazioni profonde sulla vita e sulla morte, non riescono a trasmettere niente, se non una forte sensazione di superficialità hipster e radical chic, proprio come il personaggio di Carolina.

Allo stesso tempo i dialoghi, che dovrebbero essere il punto cardine del film, poiché l’azione è ridotta al minimo, oltre che apparire eccessivamente costruiti, forniscono un ulteriore senso di pesantezza alla narrazione, diventando oltremodo stancanti.

Lopes decide di puntare su una fotografia in bianco e nero. Ma per quanto questa scelta possa essere funzionale al tema del film, non è sfruttata al meglio e non viene esaltata, con il risultato di sembrare un qualunque film a colori convertito in bianco e nero.

Il risultato è quello di un film fortemente trattenuto – anche per quanto riguarda le scene di violenza – e forse questo era ciò che Lopes desiderava come risultato finale, ovvero un film quasi sospeso, un po’ come lo stato dei due personaggi all’inizio del film, in quell’attimo prima di suicidarsi, al limite tra la vita e la morte.

Related Articles

The Midnight Club – recensione della serie Netflix

The Midnight Club – recensione della serie Netflix

“Il mondo è impazzito tanto tempo fa e pochi tra noi, e siamo rari, sono riusciti a trovare il senno, beh... quel mondo pazzo chiamo noi pazzi, no?” - Shasta Il regista di The Haunting of Hill House e Midnight Mass è tornato su Netflix con la nuova miniserie The...

Cabinet of Curiosities: L’autopsia – L’apparenza

Cabinet of Curiosities: L’autopsia – L’apparenza

L'autopsia - Terzo episodio di Cabinet of Curiosities Autopsia: dal greco "vedere da sè", "con i propri occhi". Se l'etimologia del termine rimanda ad un'importanza della componente visiva, l'episodio diretto da David Prior si fonda sulla narrazione. L'evento che dà...

Cabinet of curiosities: Lotto 36 – I ratti del cimitero

Cabinet of curiosities: Lotto 36 – I ratti del cimitero

Cabinet of Curiosities, la serie antologica Netflix prodotta da Guillermo del toro, si apre con il mediometraggio Lotto 36. E la stanza delle meraviglie di Del Toro si apre proprio, con questo primo episodio, come il lotto del titolo. L'intera serie è costruita come...

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per mostrarti mappe e video di Google. Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e quelli di terze parti (Google, Youtube). Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore, se non li abiliterai non potrai vedere alcuni video e mappe di Google. INFORMATIVA PRIVACY