HODTV: “Silent Retreat” – Recensione

Written by Chiara Volponi

Luglio 26, 2021

Per la rubrica in collaborazione con la piattaforma streaming horror HODTV oggi proponiamo la recensione di Silent Retreat, presente in catalogo su https://hodtv.net/?idPr=WH96P

SILENT RETREAT RECENSIONE – Silent Retreat è un thriller del 2016 prodotto dalla Starko Entretainment, presente in lingua originale sulla piattaforma.

Girato per la maggior parte nella location di Big Bear Lake in California, il lungometraggio segue sei colleghi di una società di media che partono per un weekend in una destinazione isolata in mezzo ai boschi. Quando uno dei membri scompare, durante le ricerche scoprono che il rifugio in precedenza era un istituto psichiatrico, chiuso a seguito di alcune accuse di mala gestione.

Sebbene la struttura narrativa, come del resto la cinematografia, siano punti di forza del film, la gestione dei dialoghi e la presenza attoriale sono altalenanti. La prima parte del film è quasi tutta di character building, che però non viene tradotta in una performance del tutto solida da parte dei protagonisti.

La storyline è comunque piacevole, riesce ad intrattenere e coinvolgere lo spettatore, anche grazie ai giochi della telecamera che intensificano l’atmosfera incerta ed inquietante. Con il procedere dello sceneggiato, si ritrovano scelte interessanti delle inquadrature (con riprese ad ampio angolo o dal basso per intensificare l’effetto destabilizzante) e l’utilizzo degli specchi che rimandano al tropo del “doppio” presente già nella prima letteratura gotica, che sarà un fil rouge, assieme alla menzogna, di tutti i 91 minuti.

Riguardo all’utilizzo dei tropi della cinematografia dell’orrore, nel caso di Silent Retreat ne troviamo davvero molti, riproposti con audacia e senza paura nel contesto del lungometraggio, senza appesantirlo o renderlo troppo banale.

Nel complesso si tratta di un buon film, con alcuni jump scare ed un’atmosfera ben riuscita, in grado di intrattenere e soddisfare lo spettatore.

Leggi QUI la nostra ultima recensione. 

Related Articles

Barbarian: il volto mostruoso della periferia

Barbarian: il volto mostruoso della periferia

La periferia di Detroit, Michigan, che ha già fatto da sfondo a film come It Follows e Only Lovers Left Alive, torna ancora una volta in una storia in cui la marginalizzazione sociale rappresentata dall’ambiente suburbano gioca un ruolo silenziosamente importante....

The Midnight Club – recensione della serie Netflix

The Midnight Club – recensione della serie Netflix

“Il mondo è impazzito tanto tempo fa e pochi tra noi, e siamo rari, sono riusciti a trovare il senno, beh... quel mondo pazzo chiamo noi pazzi, no?” - Shasta Il regista di The Haunting of Hill House e Midnight Mass è tornato su Netflix con la nuova miniserie The...

Cabinet of Curiosities: L’autopsia – L’apparenza

Cabinet of Curiosities: L’autopsia – L’apparenza

L'autopsia - Terzo episodio di Cabinet of Curiosities Autopsia: dal greco "vedere da sè", "con i propri occhi". Se l'etimologia del termine rimanda ad un'importanza della componente visiva, l'episodio diretto da David Prior si fonda sulla narrazione. L'evento che dà...

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per mostrarti mappe e video di Google. Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e quelli di terze parti (Google, Youtube). Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore, se non li abiliterai non potrai vedere alcuni video e mappe di Google. INFORMATIVA PRIVACY