HODTV: “Inner Land” – Recensione

Written by Chiara Volponi

Aprile 22, 2022

Inner Land Recensione

Per la rubrica in collaborazione con la piattaforma streaming horror HODTV oggi presentiamo la recensione di Inner Land, presente in catalogo su https://hodtv.net/?idPr=WH96P

 

Inner Land Recensione –Regia di Vivian Papageorgiou 

 

L’orrore del conformismo dietro i banchi di scuola

 

Una giovane insegnante si trasferisce in uno sperduto villaggio per poter lavorare nella tranquilla scuola locale, ma appena inizia a insegnare nella sua classe si accorge che all’interno di quell’edificio si verificano dei fatti inspiegabili.

Ogni volta che l’insegnante entra in classe il tempo sembra andare avanti di un’ora, nonostante il suo orologio indichi l’opposto, e ogni volta che cerca di dire o mostrare qualcosa ai suoi alunni, come la presenza di misteriosi disegni apparsi dal nulla sulla lavagna o il nome di un loro compagno di classe, questi negano fermamente la loro esistenza, creando un clima di ostilità e indifferenza.

Anche il corpo docenti ha un atteggiamento inspiegabilmente avverso nei confronti dell’insegnante, rimproverando il suo comportamento “inappropriato” nei confronti dello statuto della scuola e imponendogli di adeguarsi alle regole e alla mentalità dell’istituto, ignorando fermamente la serie di eventi sinistri che stanno accadendo all’interno della scuola .

Le cose inizieranno prendere una piega inquietante quando Yiannis, un alunno della classe della giovane insegnante che a differenza del resto dei suoi compagni riesce a vedere ciò che accade realmente all’interno della scuola, sparisce nel nulla, e sia gli alunni che il corpo docenti negano fermamente la sua esistenza.

Il film è scritto e diretto dalla regista greca Vivian Papageorgiou ed è vincitore della dodicesima edizione del concorso cinematografico indipendente Tabloid Witch Awards come Miglior cortometraggio Horror e Drammatico. Inner Land è una splendida metafora sul conformismo e su come la mentalità di gruppo riesca a mietere vittime, uccidendo attraverso la violenza o l’omologazione qualunque forma di contraddizione del pensiero. Quest’ultima è rappresentata come il più macabro dei destini, in quanto l’individuo perde la sua capacità di vedere la realtà dei fatti e le incongruenze che caratterizzano il comportamento e il modo di pensare del gruppo .

 

Le atmosfere angoscianti e la sensazione di essere intrappolati in un mondo dove è impossibile sopravvivere senza rimanere vittima del branco e delle sue inflessibili regole ricordano in maniera esplicita alcuni elementi significativi del celebre film del regista statunitense George A. Romero La notte dei morti viventi. La protagonista infatti, deve affrontare una massa inarrestabile di creature dall’aspetto umano di cui è impossibile avere un confronto alla pari. A differenza del capolavoro di Romero, nel quale furono utilizzati degli effetti di illuminazione e di colorazione tipici del periodo in cui è stato prodotto il lungometraggio, in questo film l’utilizzo di una tonalità di colore e di illuminazione fredda e tendente al grigio è stata utilizzata apposta per rendere più esplicito il clima di morte. Quest’ultima è intesa come la fine dell’individualità e il modo di pensare autonomo che aleggia nella scuola, e dell’inevitabilità del destino della protagonista e di chi ha la sfortuna di ribellarsi a questo terribile status quo.
Il ritmo narrativo  lento e sostenuto di Inner Land riesce a trasmettere allo spettatore una sensazione di estraneità e di angoscia, rimanendo allo stesso tempo nei 18 minuti di svolgimento degli eventi narrativi. 

Nonostante siano presenti dei piccoli difetti all’interno della narrazione, come per esempio la mancanza di alcuni approfondimenti del background dei personaggi e dell’ambiente in cui si svolgono gli eventi, Inner Land è la dimostrazione di come si può produrre un film stilisticamente di grande impatto simbolico e rappresentando in maniera semplice ma diretta delle tematiche attuali e profonde, con l’utilizzo di pochi effetti visivi ma ben congeniati e che possano entrare nella mente del pubblico e segnarlo in maniera incisiva .

Marta Quitadamo

ISCRIVI QUI IL TUO CORTOMETRAGGIO HORROR AL NOSTRO FESTIVAL!

LEGGI QUI LA NOSTRA ULTIMA RECENSIONE DI HODTV!

Related Articles

Barbarian: il volto mostruoso della periferia

Barbarian: il volto mostruoso della periferia

La periferia di Detroit, Michigan, che ha già fatto da sfondo a film come It Follows e Only Lovers Left Alive, torna ancora una volta in una storia in cui la marginalizzazione sociale rappresentata dall’ambiente suburbano gioca un ruolo silenziosamente importante....

The Midnight Club – recensione della serie Netflix

The Midnight Club – recensione della serie Netflix

“Il mondo è impazzito tanto tempo fa e pochi tra noi, e siamo rari, sono riusciti a trovare il senno, beh... quel mondo pazzo chiamo noi pazzi, no?” - Shasta Il regista di The Haunting of Hill House e Midnight Mass è tornato su Netflix con la nuova miniserie The...

Cabinet of Curiosities: L’autopsia – L’apparenza

Cabinet of Curiosities: L’autopsia – L’apparenza

L'autopsia - Terzo episodio di Cabinet of Curiosities Autopsia: dal greco "vedere da sè", "con i propri occhi". Se l'etimologia del termine rimanda ad un'importanza della componente visiva, l'episodio diretto da David Prior si fonda sulla narrazione. L'evento che dà...

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per mostrarti mappe e video di Google. Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e quelli di terze parti (Google, Youtube). Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore, se non li abiliterai non potrai vedere alcuni video e mappe di Google. INFORMATIVA PRIVACY