HODTV: “Ghost Stories 3” – Recensione

Written by Chiara Volponi

Febbraio 27, 2022

Ghost Stories 3

Per la rubrica in collaborazione con la piattaforma streaming horror HODTV oggi presentiamo la recensione di Ghost stories: Conversation with the dead, presente in catalogo su https://hodtv.net/?idPr=WH96P

Con la continuazione della regia di Dan T. Hall (leggi le precedenti recensioni del PRIMO e SECONDO capitolo), e la produzione a cura della Vizimo Films inc., il lungometraggio esce nel 2011 ed è disponibile sulla piattaforma in lingua originale.


L’horror documentario si apre con una citazione dal libro Odissea nello spazio, prima di catapultare lo spettatore a Fowler City, in Indiana, con il primo footage dell’episodio. Il familiare team di esperti del paranormale si avvale di testimonianze ed EVP per presentare le storie degli spiriti del Fowler Theatre.

Viene presentata poi la storia suggestiva ed inquietante del Witches Castle, con la maledizione che corrompe quelle terre da tempi immemori e continua fino ai giorni nostri. Il team durante la notte riesce a mettersi in contatto con la presenza di una giovane, che in passato era stata brutalmente torturata sul luogo. La sequenza è particolarmente coinvolgente ed inquietante grazie alle tracce audio e a alle immagini nitidissime.

Il viaggio prosegue con la storia disperata di alcuni spiriti intrappolati in una casa, costretti a ripetere in eterno, notte dopo notte, il momento precedente alla loro dipartita.

Il team si dirige poi a Benton County, in Indiana. Qui, la prigione della cittadina è infestata dagli spiriti dei residenti, morti di morte ingiusta e violenta. Oltre ai luoghi più conosciuti, che abbiamo citato poco sopra, vengono presentate storie di hauntings più comuni. Fra queste vi sono storie di presenze in negozi, case e siti privati, documentate grazie a testimonianze dirette ed evp (fenomeno delle voci elettroniche paranormali). Rispetto a quelli del primo episodio, sono tecnicamente e qualitativamente migliori, anche nella presentazione durante lo screening time.

La conclusione lascia aperte tante delle domande che la presentatrice, Sarah Mynett, si è posta nel corso dei tre episodi, lasciando intendere che il mondo dei defunti avrà sempre molti più segreti di quanti i viventi potranno mai rivelarne, dando perfettamente senso alla citazione che viene fatta in apertura al film.

Conversations with the dead è sicuramente il prodotto più complesso della serie, piacevole, mai esagerato nelle storie o nelle teorie presentate. Degna conclusione della saga delle Ghost Stories, è un ottimo prodotto, che porta migliorie nei punti comuni ai tre film senza denaturare il desiderio di scoperta più umano e scientifico alla base della volontà del regista. 

Michelle Bianchetti

ISCRIVI IL TUO CORTOMETRAGGIO HORROR AL NOSTRO FESTIVAL QUI!

 

Related Articles

Barbarian: il volto mostruoso della periferia

Barbarian: il volto mostruoso della periferia

La periferia di Detroit, Michigan, che ha già fatto da sfondo a film come It Follows e Only Lovers Left Alive, torna ancora una volta in una storia in cui la marginalizzazione sociale rappresentata dall’ambiente suburbano gioca un ruolo silenziosamente importante....

The Midnight Club – recensione della serie Netflix

The Midnight Club – recensione della serie Netflix

“Il mondo è impazzito tanto tempo fa e pochi tra noi, e siamo rari, sono riusciti a trovare il senno, beh... quel mondo pazzo chiamo noi pazzi, no?” - Shasta Il regista di The Haunting of Hill House e Midnight Mass è tornato su Netflix con la nuova miniserie The...

Cabinet of Curiosities: L’autopsia – L’apparenza

Cabinet of Curiosities: L’autopsia – L’apparenza

L'autopsia - Terzo episodio di Cabinet of Curiosities Autopsia: dal greco "vedere da sè", "con i propri occhi". Se l'etimologia del termine rimanda ad un'importanza della componente visiva, l'episodio diretto da David Prior si fonda sulla narrazione. L'evento che dà...

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per mostrarti mappe e video di Google. Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e quelli di terze parti (Google, Youtube). Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore, se non li abiliterai non potrai vedere alcuni video e mappe di Google. INFORMATIVA PRIVACY