HODTV: “Asylum, The Lost Footage” – Recensione

Written by Chiara Volponi

Maggio 31, 2022

Asylum The Lost Footage Recensione

Per la rubrica in collaborazione con la piattaforma streaming horror HODTV oggi proponiamo la recensione di Ghost stories 1: Walking with the Dead, presente in catalogo su https://hodtv.net/?idPr=WH96P

 

Asylum The Lost Footage Recensione – Prodotto dalla Vizimo Films nel 2013 e diretto dall’apprezzatissimo Dan T. Hall (per chi se le fosse perse, abbiamo pubblicato anche le recensioni della serie delle ghost stories dello stesso regista ), Asylum – The lost footage è un mockumentary che si basa sul ritrovamento, al momento della demolizione di un manicomio nel 1994, di una pellicola che mostra alcuni cacciatori di fantasmi avventurarsi per i reparti animati da presenze sovrannaturali.La troupe di ghost hunters va alla ricerca della Lady in White, uno spirito malevolo responsabile di alcune sparizioni già documentate e che pare infestare i corridoi dell’istituto mentale.

Dopo un warning a tutto schermo, che spiega allo spettatore il come e quando è stata ritrovata la pellicola, un gruppo di esperti, tra cui poliziotti e medici, lo guida attraverso il caso – ormai diventato “freddo” – e le presenze che infestavano la struttura del manicomio. Questa introduzione, ricorda a tratti quella usata anche in Antrum (il film maledetto più famoso degli ultimi anni, chiamato anche “The Deadliest Film Ever Made”) ed è ugualmente efficace per dare quel sapore più realistico al lungometraggio.
Le clip ritrovate appaiono numerate, e si intervallano ai commenti del gruppo di esperti, dando un buon ritmo alla narrazione, con spiegazioni della vita dell’ospedale e dei suoi abitanti, dai pazienti ai medici. 

Per quanto sia apprezzabile che i ragazzi portino, all’interno del manicomio, delle mascherine per proteggersi (perché anche in un film horror la sicurezza è importante), la performance attoriale del gruppo di ghost hunters non è particolarmente convincente. Più apprezzabili invece gli sforzi per rendere professionali gli esperti, soprattutto il detective a capo del caso, e ancora di più le clip d’epoca che strappano sempre un brivido per i temi trattati.

Per quanto riguarda gli effetti paranormali, oltre agli evp e alle voci distorte che creano  un’atmosfera coerentemente inquietante (e che i protagonisti ignorano, come tutto il resto dei segnali che li invitano poco cordialmente a uscire dalla struttura), gli sforzi per mostrare le presenze non sono altrettanto efficaci, ed anzi sembrano in alcuni casi quasi esasperati, spezzando l’atmosfera di tensione.

Più si procede verso la fine del lungometraggio, più gli effetti di distorsione sul file del footage si fanno presenti, con alcune scene di luce molto intensa e lampeggiante e suoni a frequenza particolarmente alta.
Apprezzabile il tentativo, soprattutto per una produzione indipendente, di creare un prodotto che combini il mockumentary, il ghost hunting e la possessione, peccato però non sia completamente riuscito, finendo per lasciare una sensazione di insoddisfazione al termine della visione.

– Asylum The Lost Footage Recensione –

Michelle Bianchetti

Related Articles

The Midnight Club – recensione della serie Netflix

The Midnight Club – recensione della serie Netflix

“Il mondo è impazzito tanto tempo fa e pochi tra noi, e siamo rari, sono riusciti a trovare il senno, beh... quel mondo pazzo chiamo noi pazzi, no?” - Shasta Il regista di The Haunting of Hill House e Midnight Mass è tornato su Netflix con la nuova miniserie The...

Cabinet of Curiosities: L’autopsia – L’apparenza

Cabinet of Curiosities: L’autopsia – L’apparenza

L'autopsia - Terzo episodio di Cabinet of Curiosities Autopsia: dal greco "vedere da sè", "con i propri occhi". Se l'etimologia del termine rimanda ad un'importanza della componente visiva, l'episodio diretto da David Prior si fonda sulla narrazione. L'evento che dà...

Cabinet of curiosities: Lotto 36 – I ratti del cimitero

Cabinet of curiosities: Lotto 36 – I ratti del cimitero

Cabinet of Curiosities, la serie antologica Netflix prodotta da Guillermo del toro, si apre con il mediometraggio Lotto 36. E la stanza delle meraviglie di Del Toro si apre proprio, con questo primo episodio, come il lotto del titolo. L'intera serie è costruita come...

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per mostrarti mappe e video di Google. Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e quelli di terze parti (Google, Youtube). Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore, se non li abiliterai non potrai vedere alcuni video e mappe di Google. INFORMATIVA PRIVACY